Esperienze

ASL Latina progetto + Vita

vitaA.S.L. Latina

Obiettivo

Favorire una precoce individuazione del problema di salute collegato alla cronicità e garantire una corretta programmazione del percorso di cura nel rispetto dei principi di presa in carico e continuità assistenziale, senza orizzonte temporale, con il pieno coinvolgimento di Medici Generali, A.S.L. di Latina e paziente, al fine di:

                          • semplificare l’accessibilità ai servizi e restituire al paziente tempo di vita quotidiana;
                          • aumentare l’aderenza alle terapie, per migliorare lo stato di salute, le aspettative di vita ed il decorso della patologia;
                          • recuperare la fiducia del paziente nel Sistema Sanitario, garantendo al paziente il PDTA e il suo sviluppo, in termini di certezza dei tempi e delle prestazioni.

Target pazienti

La pratica si rivolge alla popolazione affetta da 3 patologie croniche (BPCO, Diabete e Scompenso cardiaco), suddivisa in classi di gravità/complessità, attraverso l’analisi dei flussi relativi alle schede di dimissione ospedaliera (SDO), alla farmaceutica territoriale (FT) e all’utilizzo delle esenzioni ticket (laddove applicabile nelle 3 patologie).

Breve descrizione

Realizzazione di una piattaforma informatica integrata per la gestione dei PDTA e installazione e implementazione di strumenti e flussi informativi per il telemonitoraggio presso spazi pubblici in aree remote (isole pontine).

ICT implementata

Attivazione di due componenti tecnologiche:

  • Piattaforma informatica integrata per la gestione dei PDTA a cui accedono i Medici Generali, i medici specialisti, gli infermieri (e, in genere, le professioni sanitarie) e le Aziende Sanitarie, per poter collaborare, in un ambiente integrato, al fine di gestire e monitorare la presa in carico del paziente cronico.La piattaforma ha funzionalità gestionali per la creazione, personalizzazione e attuazione del PDTA; informative, in quanto è integrata con i software che forniscono le informazioni sanitarie del paziente (cartella clinica, Anagrafe Sanitaria Unica Regionale etc.); di controllo, perché consente di monitorare lo stato di avanzamento dei PDTA.
  • Postazioni per la telemedicina dotate di saturimetro, sfigmomanometro, bilancia, termometro, spirometro, stetoscopio, otoscopio, dermatoscopio e laringoscopio. Le stesse postazioni possono integrarsi con un elettrocardiografo, un ecografo, e un Point-of-Care (POCT). Mediante tali apparecchiature sono erogati i servizi di teleassistenza.

Validità ai fini Covid-19

Le postazioni di telemedicina potrebbero essere utilizzate per la gestione dei pazienti affetti da covid-19, in situazione di media gravità ossia non da terapia intensiva, presso il domicilio o presso Case di cura e/o RSA, attraverso caregivers (parenti, pazienti, infermieri) opportunamente formati ed equipaggiati nelle attrezzature per evitare il contagio. I caregivers opererebbero sotto la supervisione della centrale operativa, che avrebbe anche il compito di monitorare costantemente i parametri vitali e fornire indicazioni utili per alcune procedure di gestione del paziente.

PER SAPERNE DI PIÙ

Logo Ministero della Salute Logo Agenzia per la Coesione Territoriale Logo Unione Europea Logo Dipartimento per la Funzione Pubblica Logo PON Governance e Capacità Istituzionale
Copyright © All rights reserved.